Scrivo lettere, non ho mai imparato a fare newsletter.

Mi capiterà di avvisarti su novità e vendite speciali, certo, ma preferirò raccontarti di viaggi e materiali preziosi, letture illuminanti e nuovi gioielli. Ti prego di entrare e aspettare di ricevere la prima email, non mi offenderò se poi vorrai andar via.

No Grazie

Poetica

La ricerca del significato nascosto è l’anima di quello che creo. 

Anche quando non lo sapevo, il mio lavoro aveva a che fare con il mistero e la ricerca, che è perenne rivelazione e perdita. 

Le parole non arrivano, siamo noi a trasceglierle ed unirle in significati. Pur tuttavia possono aiutarci a tenere assieme ciò che abbiamo incontrato e, intanto, continuare.

Siamo massimamente sensibili al mondo, che è in grado di venirci incontro stupendoci con la meraviglia (thaumàzein) o donandoci il bello (èkphanestaton).

Di fronte a tutto questo, noi continueremo sempre a cercare un significato, interrogando, modulando e riorganizzando tutto quanto - incessantemente, perché abbiamo bisogno di senso.

In questo modo credo che le parole possano aiutarci nel tentare di rivelare la poesia nascosta nel mondo, così le incido a mano sui miei gioielli. Qualche volta le lascio scegliere, altre no perché il legame con ciò che le custodisce è troppo forte - e l'amore non si divide. 

Sono minute minute, tanto che leggerle è un po' come correre riuscendo intanto ad annusare i fiori, ma è la loro presenza a renderle importanti. Testimoniano, ricordano e cercano di capire la meraviglia.

Voglio lavorare nella costellazione di mistero e scoperta, come la poesia fa con le parole e il silenzio.

I gioielli che indossiamo tutti i giorni, i nostri "preferiti", sono dei talismani:  hanno a che fare con un ricordo, una promessa, un'emozione - custodiscono e veicolano un significato. 

Voglio lavorare nella costellazione di mistero e scoperta, come la poesia fa con le parole e il silenzio, perché posso essere creativa: bisogna solo prestare attenzione.